Quest’anno, l'Ordo Virginum diocesano ha percorso un itinerario di incontri di catechesi e di momenti particolarmente intensi di preghiera, voluti dall'Arcivescovo Moretti, nelle varie parrocchie della Diocesi.

Il 1° maggio, nel giorno in cui la Chiesa festeggia san Giuseppe lavoratore, è toccato alla comunità di Colliano, guidata dal parroco don Antonio Pisani, che si è raccolta nella piccola, ma suggestiva badia di Bisigliano, dedicata alla Madonna dell’Annunziata. Circondati dal tenero verde dei prati, picchiettato da margheritine, ranuncoli e cespugli di profumatissimo biancospino, immersi in un mistico silenzio, abbiamo celebrato la santa Messa presieduta dal delegato diocesano per l'Ordo.

Durante l’omelia, don Alfonso si è soffermato sull'importanza del lavoro vissuto con onestà e ha fatto riferimento alla figura di san Giuseppe, instancabile lavoratore che si “deliziava in preghiere e contemplazioni”.


Durante l’ora di adorazione, avvolti dall'atmosfera sublime che “trasudava” dalla misticità del luogo, nello spirito delle catechesi mistagogiche dei Padri, abbiamo ripercorso la solenne preghiera di consacrazione la “Deus castorum corporum”, attraverso cui la Chiesa supplica il Padre affinché effonda, con abbondanza di doni, lo Spirito Santo sulle vergini.

Tra preghiere e canti, il delegato ha sottolineato gli elementi fondamentali della vocazione dell'Ordo Virginum. Sono stati portati all'altare la lampada accesa, il velo bianco, l’anello e il breviario per sottolineare l’amore totale che la vergine offre a Dio.

Dopo il pranzo, ricco di prodotti tipici del luogo, ognuno è tornato a casa con più gioia e serenità nell'animo per questa emozionante giornata vissuta nell'armonia e nello splendore della luce di Cristo Signore.

 

PowerPoint

Chi è online

Abbiamo 226 visitatori e nessun utente online