È iniziato il conto alla rovescia per la consacrazione con il rito dell’Ordo Virginum per Teresa Carotenuto, una giovane cavese che da alcuni anni ha seguito la formazione con noi consacrate e consacrande della diocesi di Salerno: il 23 aprile 2023 la sua chiamata a diventare la prima consacrata della sua diocesi culminerà nella Cattedrale di Cava.

Sabato scorso mi sono recata in compagnia di Rosa, invitate del parroco don Gioacchino, mio ex-alunno, presso la parrocchia di appartenenza di Teresa, sant’Alfonso, per una testimonianza durante il primo incontro di preghiera comunitaria in preparazione alla sua consacrazione.

Siamo state accolte da una comunità in festa, accogliente e gioiosa. Abbiamo partecipato alla Santa Messa e poi ad un’Adorazione Eucaristica molto ben preparata, anche nei minimi dettagli. Alla fine siamo state salutate con gioia e, con la speranza di poter partecipare ai prossimi incontri di preghiera, abbiamo fatto ritorno a casa.

Ringrazio don Gioacchino, Teresa e la comunità per l’invito e l’accoglienza.

Emilia

Si avvicina per Teresa il giorno della sua consacrazione nell’Ordo Virginum; lo Spirito Santo ha suggerito a lei e al suo parroco, don Gioacchino, momenti mensili di preghiera e testimonianza in preparazione dell’evento. Sabato 24 settembre si è tenuto il primo momento di preghiera davanti a Gesù Eucarestia con un’Adorazione preparata in ogni minimo particolare, avente come tema la verginità per il regno dei cieli e la sponsalità che è alla base dell’Ordo Virginum.

Eravamo presenti io ed Emilia che ha donato la sua testimonianza, raccontando come il Signore, che scrive anche sulle righe storte, attraverso di lei ha fatto rifiorire nella nostra Diocesi e in tutto il sud Italia questa speciale forma di consacrazione ben 26 anni fa.

È stata una serata di grazia e di grande emozione alla presenza di Gesù, sia per la gioia nell’intravedere anche per Teresa il realizzarsi dell’immenso dono della consacrazione, sia per l’aver ritrovato una comunità accogliente, entusiasta e felice, stretta in preghiera intorno a Teresa.

Rosa

Stupore, attesa, emozione, gioia, gratitudine … sono solo alcuni dei sentimenti che, come colori, affrescano la tela della mia vita in questo periodo tanto bello ed importante. Ormai mancano meno di sette mesi alla mia consacrazione nell’Ordo Virginum, che avrà luogo il prossimo 23 aprile presso la concattedrale di Cava de’ Tirreni.

Si tratta di un evento speciale che non tocca solo la mia esistenza, ma quella di tutta la Chiesa di Amalfi-Cava de’ Tirreni, dove questa antica forma di vita consacrata non è ancora presente. Per questo motivo ho desiderato preparami all’atteso giorno delle nozze con Cristo insieme a tutta la comunità parrocchiale e diocesana, attraverso degli incontri mensili di adorazione, riflessione e testimonianza.

Sabato 24 settembre abbiamo vissuto il primo dei sei momenti in programma, un incontro reso ancora più bello dalla partecipazione di Rosa e dalla testimonianza di Emilia: quest’ultima, come succederà a me, prima consacrata della sua diocesi, Salerno - Campagna - Acerno, nonché professoressa di religione del mio parroco, don Gioacchino Lanzillo.

Inutile dire quanto sia stato emozionante per loro due riabbracciarsi dopo oltre ventisette anni, ormai non più da insegnante ed alunno, ma da consacrata e sacerdote. Durante l’omelia, prendendo spunto dalla seconda lettura del giorno, precisamente dall’esortazione che San Paolo apostolo rivolge a Timoteo, don Gioacchino ha sottolineato l’importanza della testimonianza di vita e di fede degli insegnanti, fondamentale per la nascita di vocazioni di speciale consacrazione e soprattutto per lo sviluppo di una vera umanità.

All’Ordo Virginum di Salerno va il mio GRAZIE per la disponibilità con cui mi hanno accolta in questi cinque anni di formazione e l’amicizia con cui mi hanno accompagnata in ogni fase del mio cammino vocazionale.

Teresa

 

 

 

PowerPoint

Chi è online

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online